Il BMS

Integrazione con BACnet

Un BMS (Building Management System) è un sistema che permette non solo il monitoraggio e il controllo di servizi come l'illuminazione, l'impianto idraulico, l'antincendio, il riscaldamento, il condizionamento e la climatizzazione ma ha anche lo scopo di garantire il comfort e l'efficienza energetica.
Un sistema di Building Management minimizza il consumo di energia e massimizza il comfort interno, riducendo i costi energetici nella misura del 15 % -20 % rispetto a un edificio senza BMS.
Per raggiungere gli obiettivi insiti nella natura stessa del BMS, produttori, progettisti, integratori e manutentori devono necessariamente svolgere il proprio lavoro in sinergia: non è possibile stabilire un livello gerarchico.
Ognuna di queste figure deve possedere una reciproca area di sovrapposizione: il progettista dovrà possedere una parte dell’esperienza del produttore, dell’integratore e del manutentore e allo stesso tempo ogni figura dovrà mantenere ben distinta la propria natura. E’ indispensabile, perciò, un linguaggio comune, un protocollo standard.
Questo protocollo è lo standard ISO16484-5 (BACnet) che consente lo sviluppo autonomo di impianti di natura anche molto diversa consentendone la naturale integrazione.
Grazie a BACnet è possibile creare un modello informatico di tutti i punti di misura e di attuazione del sistema di automazione d’edificio nonché di tutti gli algoritmi di controllo.
Il modello informatico creato in fase di progetto consiste nella vera e propria programmazione dei dispositivi, che essendo indipendente dal produttore del dispositivo, garantisce al progettista la massima libertà.

Sotto l’esempio di un condizionatore.
 
 
 
Uno dei punti di forza che portano BACnet a essere lo standard favorito nella rappresentazione del sistema di controllo di un qualsiasi impianto di automazione d’edificio è proprio la virtualizzazione degli oggetti che costituiscono l’impianto. Con BACnet il progettista ha un potente strumento per descrivere da cosa è costituito l’impianto e come deve funzionare.
Questo suo elemento di forza lo rende particolarmente adatto a interagire con la modellazione BIM.
Il protocollo consente l'interrelazione tra modello 3D e impianto reale attraverso il trasferimento di informazioni riguardanti i singoli comportamenti dei dispositivi.
Il modello si farà carico della memorizzazione dei dati provenienti dal BMS e di riutilizzarli quando se ne ha la necessità.